La Storia



Il ristorante Crotto del Lupo è situato sulla collina di Cardina ed è immerso in una suggestiva cornice di verde, facilmente raggiungibile anche dalla Svizzera.
L’ampio terrazzo, di recente ristrutturazione, è il luogo ideale per i vostri pranzi e cene estive, come occasione per godere del fresco dei vicini boschi.
All’interno del ristorante si trova anche il crotto, luogo freschissimo che viene adibito a cantina per conservare al fresco i vini.
La costruzione del vecchio “Crotto del Lupo” di Cardina risale a quasi centocinquanta anni fa, infatti, fu fondato nel 1870.
Ne era proprietario Antonio Taiana, detto Tugnin, di professione muratore , originario del luogo .
Il vecchio stabile, fu da lui sopraelevato ed adibito nel piano superiore ad abitazione di villeggianti stagionali nel periodo 1915- 1925.
Anche nel libro di Carlo Linati “ Passeggiate Lariane” , edito nel 1939, vengono nominati Cardina e il Crotto del Lupo.

Già alla fine dell’ottocento, il locale divenne ritrovo dei residenti, contadini e benestanti , per partite a carte prima, poi anche per il gioco delle bocce.


Successivamente il Signor Taiana vendette al Signor Angelo Colombo, pure cardinese il quale continuò la gestione ampliando il locale, pur mantenendo la caratteristica di rustico “Crotto”.
In seguito il figlio trasformò il tutto rendendolo l’attuale rinomato ristorante e lo diede in gestione a due soci Valtellinesi dal 1978 che seguono con particolare attenzione le varie specialità gastronomiche, dato che uno dei titolari è anche lo Chef.

Attualmente il locale è stato riconosciuto dalla Regione Lombardia come Locale Storico.

Back to top